lunedì 6 ottobre 2014

Il Copriletto Indiano

Questa che sto per raccontarvi e' una lunga storia, di quelle da "Le mille e una notte".
Viene dall'India o giu' di li'!
Un paio di anni fa' ad una festa di paese, che neanche volevo andarci ma che ricordo faceva un caldo micidiale, e io ooodio il caldo, tra le bancarelle c' era un indiano che esponeva dei centrini, dei cuscini e... un copriletto scintillante...bellissimo!
Alla luce dell'unico lampione esistente, sembrava essere fatto d'oro, era composto da tanti pezzi di stoffe diverse, seta, organza e tessuti preziosi, con ricami , pietre, paillettes, insomma un capolavoro!
L' indiano o pakistano, chi lo sa', mi disse che il prezzo era di 100 euro.
Andai via, feci un'altro giro e ripassai, lo feci vedere a mio marito.
Comprai un centrino, un runner lunghissimo color bianco e lavanda, lavorato sempre con la stessa tecnica.
" 80, prendi per 80"
" no, no, non posso"
"Cinquanta me la dai?" -azzardai
" no, no 50"
Andai via.
Mi chiamo'
"Signora va bene 50".
In effetti neanche volevo comprarla per davvero, ma ero affascinata, rapita da tanto luccichio....
Puzzava un po' a dire il vero....forse di cammello, ma quelli stanno in Egitto, comunque, la presi.
Mi regalo' anche due  fodere di cuscini abbinati.
Un affare...pensai!
Andai a casa, era gia'tardi ,  e la vidi alla luce.
Oltre alla puzza di cammello, era sporchissima.
All' interno tra i due strati di stoffa, quello con i ricami e quello che andava a contatto con il letto,
c' erano delle impurita', non so' dirvi di che genere...tipo sassolini pagliuzze ecc.
La misi in vasca con acqua fredda e ammorbidente e comincio' a diventare l'acqua tutta gialla.
Ma il copriletto restava comunque di base giallo, va beh pensai , usano ancora colori naturali che scaricano molto con il lavaggio.
Poi cominciarono a disfarsi i vari pezzi, come se fossero stati tenuti insieme da colla e li' mi misi le mani nei capelli. Ogni pezzo di ricamo si staccava dalla cucitura e sentivo sotto le mani della roba appiccicosa venir via.
Credo fosse colla.
Bastardo di un indiano/pakistano.
L'ho cercato per mesi.
Non l'ho mai piu' beccato, ne ho mai visto nessuno vendere questo genere di coperte.
Ci ho messo molto tempo per sistemarla.
Pezzo dopo pezzo, sostituendone alcuni e cambiando tutto il tessuto al di sotto.
Finalmente l'altro giorno l'ho ripresa per l'ennesimo rattoppo.
E' finalmente finita.
E anche se rimane molto molto delicata, il risultato e' strabiliante e soprattutto PROFUMA!!!
 Peccato che le foto non rendano molto, ma vi assicuro che una volta accese le luci, il luccichio che emana e' davvero da favola
E' composta di tanti tipi di stoffe diverse e ricami diversi

Paillettes d'oro e d'argento
Questa parte che vedete in beige con i piccoli fiorellini arancio e' una delle parti che e' stata completamente sostituita perche' si era stappata la seta di questi decori gialli
Qui potete vedere ancora una parte che si stacca dalla cucitura...era quasi tutta cosi'!!!
Ricamo centrale in rosso
Stoffa impreziosita con pietre e coralli
ricamo con strass
Macchie di colore naturale che non sono andate via
Questo e' la stoffa con cui ho rifinito il sotto , togliendo completamente la stoffa originale.


Questo e' il runner che non ho ancora riparato e che al lavaggio fece la stessa fine 
Potete vedere com'e' danneggiato allo stesso modo lo era il copriletto.
Posta un commento